Stima dei consumi idrici in erba medica

Delrio, Marco (a.a. 2017/2018) Stima dei consumi idrici in erba medica. Tesi di Laurea in Scienze e tecnologie agrarie (L-25), Università degli studi di Sassari, relatore Motzo Rosella, pp. 31. [Tesi di Laurea triennale]

[img]
Preview
Text
Download (938kB) | Preview
Full text disponibile come PDF. Richiede visualizzatore di PDF come GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader.

Abstract

L’erba medica è una delle specie foraggere più importanti, le cui caratteristiche sono riportate nell’introduzione. Nella presente relazione vengono proposti vari metodi per la stima dei consumi idrici dell’erba medica coltivata in ambiente mediterraneo secondo un esperimento condotto nell’azienda didattico-sperimentale ‘Mauro Deidda’ nel 2017. Il campo di medica oggetto della sperimentazione era stato seminato con la varietà Mamuntanas nel 2015, e sono stati realizzati 6 sfalci tra maggio e ottobre nel 2017. I metodi confrontati si sono differenziati per quanto riguarda il calcolo della evapotraspirazione di riferimento (ETo): il primo metodo era l’utilizzo dell’equazione di Penman-Monteith, l’altro i mm di evaporato da una vasca evaporimetrica di classe A. I dati giornalieri di ETo ricavati sono stati moltiplicati per i Kc giornalieri ottenuti dopo la costruzione della curva di Kc per ottenere l’evapotraspirazione della coltura (ETC) sia su base stagionale che suddivisa per i sotto periodi individuati dagli sfalci. ETC è aumentata passando dalla primavera all’estate, per diminuire negli ultimi due sotto periodi considerati. I due valori di ETC ricavati con i due metodi sono stati sostanzialmente simili (circa 7400 m3ha-1 ), rimarcando la bontà della stima ottenuta con la Vasca di Classe A rispetto alla stima ottenuta attraverso l’equazione di Penman-Monteith, più complessa da calcolare e basata su un maggiore numero di input, ma ritenuta più attendibile. Il metodo semplificato proposto per semplificare la gestione aziendale ha sottostimato i reali consumi idrici della coltura (6400 m3 ha-1 ). Combinando i dati produttivi con ETC è stato possibile calcolare una produttività dell’acqua dell’ordine di 2,1kg di sostanza secca m-3 ET, che si è dimostrata elevata quando confrontata con i dati bibliografici, anche grazie alla elevata produttività del medicaio. La produttività dell’acqua è diminuita nel periodo considerato, passando da 2,5kg di sostanza secca m-3 ET nella tarda primavera a 1,64kg di sostanza secca m-3 ET in autunno. Alfalfa is one of the most important forage crops, whose main characteristics are reported in

Tipologia di tesi: Tesi di Laurea triennale
Autore: Delrio, Marco
Relatore: Motzo, Rosella
Correlatore: Giunta, Francesco
Disciplina MIUR: Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/02 AGRONOMIA E COLTIVAZIONI ERBACEE
Struttura: Dipartimento di Agraria
Corsi di Laurea: Scienze e tecnologie agrarie (L-25)
Anno Accademico: 2017/2018
Sessione: Estiva
Parole Chiave: Alfalfa, evapotraspirazione, foraggere
Codice ID dell'EPrint: 1198
Data di Deposito: 30 Aug 2018 09:35
URI: http://unisslaurea.uniss.it/id/eprint/1198

Accesso riservato agli amministratori

Modifica Elemento Modifica Elemento