Studio retrospettivo sugli accessi venosi maggiormente utilizzati nei pazienti ustionati ricoverati presso il Centro Ustioni dell’AOU di Sassari dal 2016 al 2018

Paba, Laura (a.a. 2018/2019) Studio retrospettivo sugli accessi venosi maggiormente utilizzati nei pazienti ustionati ricoverati presso il Centro Ustioni dell’AOU di Sassari dal 2016 al 2018. Tesi di Laurea in Infermieristica (L/SNT1), Università degli studi di Sassari, relatore Sotgia Mauro, pp. 84. [Tesi di Laurea triennale]

[img] L'accesso resterà ristretto sino al Non specificata
(1MB)
Full text disponibile come PDF. Richiede visualizzatore di PDF come GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader.

Abstract

INTRODUZIONE: il Centro Ustioni fa parte dei reparti di emergenza-urgenza in cui l’assistenza infermieristica risulta particolarmente complicata a causa dell’elevata probabilità che il paziente vada incontro a morte. Fondamentale in questi pazienti è reperire un accesso venoso per il reintegro di liquidi e la somministrazione di antibiotici, antidolorifici e altri farmaci. OBIETTIVI: l’obiettivo è quello di individuare quale tipo di accesso venoso viene utilizzato maggiormente in base al tempo di degenza, al tipo di ustione e alla superficie corporea ustionata. MATERIALI E METODI: sono state consultate 164 cartelle dei pazienti ricoverati presso il Centro Ustioni dell’AOU di Sassari dal 2016 al 2018. Da qui sono stati estrapolati i dati relativi all’età, al sesso, al tempo di degenza, alla superficie ustionata, al tipo di ustione, alla presenza o meno di trapianto cutaneo, al tipo di accesso venoso utilizzato. Sulla base di questi sono stati costruiti i grafici. RISULTATI: l’analisi dei dati ha messo in evidenza che durante l’arco dei tre anni presi in considerazione dal 2016 al 2018 per un totale di 164 pazienti, sono stati impiantati 2 PICC e 3 Midline. Dallo studio è inoltre emerso che il catetere più utilizzato è il catetere venoso periferico, ma con l’aumentare dei giorni di degenza e della percentuale di superficie corporea ustionata, vengono prevalentemente impiantati cateteri venosi centrali e cateteri venosi periferici a lungo termine come il Midline. CONCLUSIONI: il paziente ustionato è molto dipendente dal personale di assistenza, particolarmente importante è il rapporto che si crea con l’infermiere in quanto questo, non solo deve occuparsi di eseguire le diverse procedure, ma deve anche incoraggiare e supportare il paziente aiutandolo a ridurre al minimo quelli che sono gli aspetti psicologici negativi. Questo studio mostra l’importanza che ha il reperimento di un accesso venoso nei pazienti ustionati.

Tipologia di tesi: Tesi di Laurea triennale
Autore: Paba, Laura
Relatore: Sotgia, Mauro
Disciplina MIUR: Area 06 - Scienze mediche > MED/45 SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Struttura: Facoltà di Medicina e Chirurgia
Corsi di Laurea: Infermieristica (L/SNT1)
Anno Accademico: 2018/2019
Sessione: Autunnale
Parole Chiave: Accessi venosi, Centro ustioni AOU Sassari, gestione paziente ustionato
Codice ID dell'EPrint: 1280
Data di Deposito: 18 Mar 2020 08:37
Tipo di tesi: Compilativa
URI: http://unisslaurea.uniss.it/id/eprint/1280

Accesso riservato agli amministratori

Modifica Elemento Modifica Elemento